La Prof.ssa Elisabetta Costantini, Specialista in Urologia ed in Ostetricia e Ginecologia presso la Clinica Urologica Andrologica Università degli Studi di Perugia, esperta di Urologia funzionale, fa il suo ingresso nel Board Scientifico di curare la cistite insieme al Prof. Massimo Lazzeri. Una squadra sempre più autorevole dal punto di vista scientifico, a garanzia di un’informazione approfondita e affidabile al servizio dei lettori.

Sono Elisabetta Costantini, sono Professore associato presso la Clinica Urologica e Andrologica dell’Università di Perugia, e da anni mi interesso di urologia ginecologica e in generale di urologia funzionale. Ecco perché sono veramente lieta di far parte di questo Comitato Scientifico di Curarelacistite.it.

È veramente un piacere per me lavorare con il Prof. Massimo Lazzeri, con cui ho un lungo percorso, perché abbiamo lavorato tantissimi anni insieme. Lui è veramente una persona che darà autorevolezza a questo comitato, perché da anni si interessa di ricerca, di fisiopatologia, di ricerca traslazionale, e quindi ovviamente è la persona ideale da avere a fianco in una cosa così importante come è per me questo sito; io lo vedo così.
Perché è importante? Perché tratta un problema, la cistite, che ha una frequenza veramente importante nel sesso femminile, e pesante anche nel sesso maschile, ma possiamo dire che sicuramente la prevalenza femminile la fa da padrone. Quindi perché finalmente non avere una donna che parla alle donne di un problema così frequente, così quotidiano, così presente proprio nella vita di tutti giorni?

Io da anni mi interesso di tutte le problematiche uro-ginecologiche, e quindi proprio per questo motivo penso di avere un’esperienza particolare, forse superiore a moltissimi degli urologi che non si sono formati in questo settore particolare, e soprattutto di avere forse qualcosa in più che è la sensibilità femminile nel capire che cosa vuol dire avere la cistite.
E quindi magari poter aiutare tutte le donne a trovare se possibile una soluzione a questo problema, ma anche, e questo secondo me è veramente importante, essere parte di questo comitato scientifico, perché dobbiamo dare autorevolezza a quello che diciamo.

Oggi moltissime donne, moltissimi pazienti, forse vanno prima sul web e poi vanno dal medico, quindi la cosa importante è che sia un’informazione corretta, che sia un’informazione data da persone, da professionisti che lavorano in questo ambito da anni, che quindi hanno un bagaglio culturale che permette di dare una visione basata veramente sull’evidenza, sulla ricerca scientifica, basata anche ovviamente su tutte quelle che sono le possibilità terapeutiche che ci sono oggi a disposizione, e noi sappiamo che ogni giorno ci sono nuove notizie, nuove informazioni, e molte di queste informazioni però forse non sono corrette. Io tenterò, questo comitato tenterà, di dare sempre e soltanto le informazioni corrette e giuste che sono le evidenze scientifiche.

Ultimo aggiornamento: 15/06/2016